Advocando Blog

News e spunti per una sana discussione in materia forense ma non solo

  • Home
    Home Questo è dove potete trovare tutti i post del blog in tutto il sito.
  • Categorie
    Categorie Consente di visualizzare un elenco di categorie di questo blog.
  • Tags
    Tags Consente di visualizzare un elenco di tag che sono stati utilizzati nel blog.
  • Accesso
    Login Modulo Login

Diagnosi errata e risarcimento del danno

Inviato da il in Corte di Cassazione
  • Dimensione carattere: Maggiore Minore
  • Visite: 1536
  • Iscriviti a questo post
  • Stampa

E' risarcibile il danno morale causato da una diagnosi errata, che pregiudichi la serenità del paziente per le sue prospettive infauste e quindi ansiogene.

L'ha stabilito la Cassazione civile, sez. III, con sentenza n. 1511 del 24.1.2007, secondo cui "Con riguardo alla risarcibilità del danno non patrimoniale conseguente alla responsabilità contrattuale, questa Corte ha dichiarato la risarcibilità del danno non patrimoniale da contratto, come figura distinta dal danno morale soggettivo o pecunia doloris. Ritiene il Collegio debba proseguirsi su questa linea interpretativa sol che si consideri la particolare natura del rapporto che si insatura tra il medico e il paziente, che investe quest’ultimo nella sua totalità psico-fisica. In altri termini, poiché l’intervento del medico riguarda non tanto o non solo la fisicità del soggetto, ma la persona nella sua integrità, è ragionevole ritenere che eventuali errori diagnostici compromettano, oltre alla salute fisica, l’equilibrio psichico della persona, specie se l’errore riguarda la diagnosi di malattie gravi e comunque in grado di pregiudicare grandemente la serenità del paziente per le sue prospettive infauste e quindi ansiogene."

Cassazione-civile-sez.-III-24.1.2007--n.-1511.pdf

 

Ultima modifica il
0

Commenti